Facebooktwitteryoutubeinstagramby feather

La Storia (parte 5)

Dichiararono pubblicamente che la maggior parte del 2005 l’avrebbero trascorsa a ricaricare le batterie mentali e creative , e in effetti come da loro dichiarato fu un anno tranquillo , a parte per un paio di concerti nella loro città con i Rolling Stones all’SBC Park a Novembre . Sapevamo tutti che non sarebbe passato un intero anno senza un avvistamento dei ragazzi .

Con la batterie ricaricate dopo i due show con gli Stones , i ragazzi entrarono in studio all’inizio del 2006 per iniziare a scrivere il nuovo album , e furono eccitatissimi di annunciare che avrebbero lavorato con un nuovo produttore , Rick Rubin . La primavera e l’estate li videro allontanarsi di nuovo dallo studio per degli show in Sud Africa (la loro prima visita in assoluto nel continente!) , Europa , Giappone e Corea . Come prova che non avevano bighellonato in tutti quei mesi , i Metallica fecero debuttare due nuove canzoni durante quegli show : “The New Song” fu presentata a Berlino in Germania il 6 giugno e “The Other New Song” debuttò il 12 Agosto a Tokyo , Giappone . I lavori erano ancora in corso , ma entrambe le canzoni ci diedero un piccolo assaggio di quello che sarebbe stato scritto e provato nel resto dell’anno . Prima
di solleticare il pubblico durante l’estate del 2006 con altro materiale nuovo , i Metallica decisero di adottare un diverso approccio al lavoro in studio , ora che lavoravano con Rubin . Essendosi avvalsi per lungo tempo dell’esperienza e delle qualità pressochè uniche dell’onnipresente Bob Rock , la band era curiosa di vedere cosa sarebbe successo lavorando con il decisamente più distaccato Rubin . Il suo messaggio , quando la band tornò in studio nell’aprile del 2007 per incidere , fu semplice : “Non abbiate paura del vostro passato , non abbiate paura di riscoprire le vostre origini , abbracciate l’etica della performance al di là dell’editing e tornate a quello che i Metallica sono essenzialmente” .
Così ebbero inizio mesi di lavoro “pratico” , con l’ingegnere Greg Fidelman ad occuparsi del lavoro di routine e Rubin a sovrintendere e ad intervenire all’occorrenza per far sì che tutto procedesse al meglio .
In sostanza , Rubin si era distaccato dal processo come alleato di chicchessia , e aveva spinto i Metallica a trovare le loro soluzioni e a prendere decisioni da soli . Fece anche in modo che alcune parti fossero ri-registrate singolarmente per evitare l’ingerenza di forzature tecniche nel processo creativo , con l’idea che la performance dovesse sovrastare il resto . Ironicamente, Rubin avrebbe in seguito dichiarato al magazine della band “So What!” che il grosso dell’album fu inciso in un mese , malgrado “Death Magnetic” non avesse visto la luce fino al 12 settembre 2008 , celebrando la sua uscita con due show di beneficenza con biglietti a basso costo a Berlino e nella O2 Arena di Londra . La risposta del
pubblico fu smisurata , con l’album che finì al numero uno delle classifiche e la critica che riconobbe DM come il ritorno alla ribalta dei Metallica che era stato annunciato da tanto tempo . Il lavoro di preparazione del processo creativo dei Metallica era iniziato con St. Anger e i risultati erano arrivati chiari e abbondanti con “Death Magnetic” , con pezzi come “The Day That Never Comes,” “Broken, Beat & Scarred” e “All Nightmare Long” divenuti all’istante i preferiti dai fan . In aggiunta all’album “Death Magnetic” , il 29 marzo 2009 la band vide anche la pubblicazione di “Guitar Hero : Metallica”. Creato dalla Activision , GH:M comprende 28 canzoni tra le preferite della band e 21 canzoni di gruppi che i Metallica amano , così come apparizioni speciali di King Diamond e Lemmy dei Motörhead . Con tutte queste pubblicazioni , la band ovviamente si mise in marcia , e il “World Magnetic” tour iniziò il 20 ottobre 2008 a Glendale , Arizona . E’ un tour che ha continuato a muoversi , girare ed è avanzato fino al 2010 , con la band che forse sperava di suonare in posti dove non era mai stata prima . Erano comunque finiti i tempi delle 8-10 settimane consecutive on the road . Il nuovo programma non prevedeva più di due settimane consecutive di tour , seguite da almeno una di riposo a casa . Si tratta di una soluzione altamente efficace al problema di rendere il lavoro “di strada” compatibile con la vita familiare , e grazie a questo il tour ha visto alcune delle migliori performance di sempre dei Metallica .

   

ZONAMETALLICA V4.0 FAN CLUB UFFICIALE ITALIANO DEI METALLICA #350 Copyright 2006 - 2014 Design by Mariosky Inc.

Powered by Warp Theme Framework
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.